Casa dei papà

Associazione Giovani per San Vincenzo
 
€ 18.000
OBIETTIVO
104 gg
TIMING
0%
Totale raccolto € 3.220,00

Perché una casa dei papà?

I padri separati in Italia sono circa 4 milioni, di cui 800.000, con serie difficoltà economiche.
Il rapporto Caritas 2014 e la Fondazione Zancan individuano nella Campania ed in particolare in Napoli e provincia la zona maggiormente colpita.
Oggi il numero dei papà separati è in crescita e, secondo le Associazioni che si occupano del loro diritti, l’80% vive in serie difficoltà economiche.
Sempre più spesso capita di trovare, tra i frequentatori abituali di strade, dormitori pubblici o mense caritatevoli della città, molti padri separati. Il problema di reperire un alloggio dignitoso in cui vivere diventa un assillo quotidiano, che assume spesso contorni di disperazione: senza un alloggio dignitosi, il Giudice può disporre il divieto di visita dei figli.

 

Cosa intendiamo fare?

Il progetto “ Casa dei Papà” nasce per rispondere alla sempre maggiore richiesta di soluzioni al disagio abitativo ed economico da parte dei padri separati, proponendo una sistemazione temporanea dignitosa al genitore che si allontana da casa, per permettergli di riorganizzarsi e mantenere il diritto ad esercitare la funzione di genitore in continuità di relazione con i figli. Tutto ciò sarà possibile grazie all’appartamento, di proprietà della provincia napoletana delle Figlie della Carità di San Vincenzo de’ Paoli, che è stato concesso in comodato d’uso.

 

Chi siamo noi?

L’Associazione Giovani per San Vincenzo è un’associazione di ispirazione giovanile e cattolica incentrata sulla figura di San Vincenzo de’ Paoli – il Santo della carità.
Ha come obiettivo la divulgazione presso i più giovani della cultura del servizio intesa come gratuita messa a disposizione di tempo per gli altri, al fine di promuovere la persona uscendo dallo schema dell’assistenzialismo e dell’elemosina.

 

Perché donare per questo progetto?

Il vostro aiuto ci permetterà di:

  • far alloggiare i papà separati, gratuitamente, per un periodo di 12 mesi, eventualmente rinnovabili per altri sei mesi più sei (per un totale massimo di 24 mesi); l’iter di selezione, che passerà attraverso colloqui individuali e counseling psicologico, a cura di una commissione creata ad hoc, permetterà di valutare le competenze genitoriali, il reale desiderio di continuare i rapporti con i figli e le effettive condizioni di necessità;
  • promuovere il sostegno psicologico e sociale, anche attraverso l’attivazione di gruppi di mutuo aiuto, promuovendo la rete tra gli stessi papà divorziati dimoranti presso la “Casa”;
  • fornire supporto alla genitorialità attraverso interventi di prevenzione, orientamento e supporto per favorire la capacità di gestire disagi di carattere emotivo esistenziali e relazionali e le problematiche connesse all’esercizio delle funzioni genitoriali ed educative;
  • offrire consulenza legale e accompagnamento e raccordo con i servizi del territorio;
  • fornire ausilio per una compiuta analisi della propria condizione utile al superamento delle problematiche che minano l’effettiva promozione della persona;
  • creare occasioni di animazione e di svago per la comunità dimorante e per i bambini in visita al genitore.

METODI DI PAGAMENTO

CONDIVIDI

PROPONENTE

Associazione Giovani per San Vincenzo