Liberiamo Santa Chiara dai graffiti

Monastero Santa Chiara
#saveSantaChiara 
€ 25.000
OBIETTIVO
71 gg
TIMING
0%
Totale raccolto € 11.427,00




Lo  scorso  Agosto,  grazie  al  finanziamento  diretto  dei  Frati  Minori  di  Napoli,  sono  partiti  gli interventi  di  restauro  dei  monumenti  funebri  della  Basilica  di  Santa  Chiara,  così  come   concordati  con  la  Soprintendenza  delle Belle  Arti  e Paesaggio  di Napoli.   La  cittadella  monastica  di  Santa  Chiara,  bene  di  proprietà  dello  stato  (FEC  Fondo  Edifici  di   Culto)  ma  abitata  e  gestita  dalle  monache  di  clausura  e  dai  frati  francescani  sin  dall’epoca   della  sua  costruzione trecentesca,  è  tra  i  siti culturali  di  maggior  interesse  per  l’offerta   turistica  in  Campania,  a  ragione  censito  tra  le  mete  con  il  maggior  numero  di  visitatori.   Non  può  passare  inosservata  la  netta  differenza  in  termini  di  cura  e  di  decoro tra  lo  spazio   esterno, dell’ambito  urbano,  deturpato  da  degrado  e  tanti  graffiti,  e  lo  spazio  conventuale   gestito  in  modo  esemplare  dai  frati  di  Santa  Chiara,  vigilato  a  vista  dai  numerosi  operatori   oltre  che  protetto  da  un  sistema  di videosorveglianza  interna.

La  Basilica,  fuori  dal  perimetro  di  videocontrollo,  sebbene  luogo  sacro  per  eccellenza  a  Napoli,   ha  subito  nel  corso  degli  anni  numerosi  attacchi  da  parte  di  vandali  sconsiderati  che  hanno   imbrattato  con  scritte  e  disegni. L’intervento oggi  completato  e  finanziato  interamente  dai  frati  ha  riguardato  alcuni  sarcofagi   di  epoca  medievale  posti  nelle  cappelle  laterali  della  Basilica.     I  frati  sono  riusciti  con  le  loro  risorse  ad  arrivare  fin  dove  hanno  potuto    ma  hanno bisogno   per  completare  l’opera  di  restauro  di  un  aiuto  da  parte  di  benefattori  privati.     All’esterno,  nell’area  di  proprietà  comunale  e  fuori  dal  controllo  dei  religiosi,  il  basamento   della  basilica  ed  il  suo  ingresso  laterale  sono  tuttora devastati  da  graffiti  e  scritte  multicolori   che  forniscono  uno  spettacolo  di  estremo  degrado.   Il  Ministro  Provinciale  dei  Frati  Minori  Padre  Carlo  D’Amodio  dichiara  “la  cittadella  monastica   di  Santa  Chiara  si  estende  per  oltre  32  000  mq  e come  evidente  è  particolarmente  gravoso   presidiare  tutti  gli  spazi  fruiti.  Siamo  sicuri  che  l’aver  avviato  la  bonifica  ed  il  restauro  dei   monumenti  deturpati,  insieme  ad  un  controllo  maggiore  da  parte  di  tutte  le  istituzioni,  che continuiamo  ad  invocare  con  forza,  innescherà  un  processo  virtuoso  di  valorizzazione  e  difesa   del  nostro  patrimonio  artistico  e  ci  consentirà  di  completare  il  lavoro  avviato.  Ci  aspettiamo,   prosegue  padre  Carlo,  che  grazie  all’aiuto  di Meridonare  e  dei  tanti  benefattori  che  vorranno   aiutarci   di  restituire  la  Basilica  di  Santa  Chiara,  simbolo  francescano   per  eccellenza,   ai   napoletani  e  al  mondo".    

Perché questo progetto?

Con il progetto Liberiamo Santa Chiara dai graffiti vogliamo procedere alla rimozione dei graffiti presenti sull’interno basamento del prospetto principale e del fronte Est della Basilica.
Per fare ciò ci sarà un pre-consolidamento della pietra tufacea al fine di non danneggiarla durante le operazioni di pulitura.
Immediatamente dopo si avvieranno le operazioni di rimozione dei graffiti sia meccanicamente che grazie all’utilizzo di soluzioni chimiche compatibili.
L’intervento finale consiste nel restauro e nella conseguente protezione finale della pietra.
Per la salvaguardia del bene restaurato poi, prevederemo di installare un sistema di videosorveglianza da annettere a quello già attivo all’interno del percorso di visita del Monastero.



IL NOSTRO SITO INTERNET

METODI DI PAGAMENTO

CONDIVIDI

PROPONENTE

Monastero Santa Chiara

PHOTOGALLERY